giovedì 15 marzo 2012

L'uomo di Citerna


A volte la solitudine ti porta a pensare di farla finita, poi ti basta poco, un sorriso, una pacca sulle spalle e scopri che il mondo è completamente diverso
Sta per uscire un libro, "L'uomo di Citerna", in fase di correzione, arricchito di immagini storiche e moderne di quei luoghi che hanno reso possibile la stesura di questo romanzo/diario completamente differente dai miei precedenti lavori.
Citerna, il confine tra Umbria e Toscana, le valli, i luoghi ed i personaggi che fanno vivere emozioni forti, pure, semplici e nello stesso tempo particolari... mi hanno permesso di ambientare questa storia che, secondo chi l'ha letta, ha un qualcosa di profondo, di vero, di... naturale.
"L'uomo di Citerna" nasce come qualsiasi altro mio romanzo da un semplicissimo sogno, una visione che naturalmente appare nella mia testa e che mi porta per intere notti a viaggiare nel personaggio protagonista. Un sogno, un film, una sequenza di immagini, di emozioni, di sensazioni che vengono accentuate dall'essere in una situazione... di sonno profondo dove tutto appare in maniera lucida ed estremamente veritiera.


Incubi nella notte che si trasformano in racconto
A volte incubi, a volte sesso, a volte semplici sentimenti... sono solo belle storie per me,una parte di me, storie ricche di tempo, di immagini e di emozioni che poi cerco di trasportare sulla carta.
"L'uomo di Citerna" nasce in questo modo, poi pian piano che procedo nello scrivere vedo che tutto si compone, che il puzzle della storia si sistema automaticamente da solo e, in men che non si dica ecco che la vicenda si plasma, con le sue situazioni, con i suoi perchè, con i suoi amori e anche con i suoi omicidi.
Eggià, perchè ci sono anche questi, gli omicidi, ma stavolta non abbiamo un thriller, non abbiamo un horror o un giallo, non abbiamo a che fare col paranormale, ma abbiamo una semplice persona, un uomo, i sentimenti, la mente, l'anima, le passioni, i ricordi di un uomo che vede improvvisamente cambiata la propria vita.
E sarà la vita di quest'uomo a portare il lettore a seguire ogni passo dei suoi cambiamenti, grazie al suo diario, scritto anni dopo, e grazie a ciò che lo stesso protagonista vive, assapora, studia e costruisce in questo angolo di Paradiso.


Rimanere in silenzio a sentire l'acqua scendere lenta sulle vecchie pietre medievali
Citerna, angolo di Paradiso, dicevo e, infatti, ne sono pienamente convinto e solo chi ha avuto la possibilità di visitare quei luoghi, da Anghiari a Citerna, a Monterchi e passando per il Castello di Sorci, può semplicemente concordare con me... che quello è ancora un vero angolo di Paradiso.
Devo ammettere che l'ambientazione è stata complicata, in fondo i miei sogni sono ambientati in luoghi immaginari e l'idea di trasportarli in luoghi reali era elettrizzante ma nello stesso tempo estremamente difficile. Eppure questo romanzo si prestava, si prestava il personaggio e si prestava anche la storia atta a sottolineare la labile e sottile linea che ci separa dalla pazzia, dalla depressione e che separa lo sfruttamento del territorio dalla tutela dello stesso.
Anche in questo caso, comunque, una tinta di giallo non manca e... seguendo i passi del protagonista andremo assieme a scoprire luoghi inantati, camminamenti medievali, pozzi per la raccolta acqua e tanto altro che solo un lettore attento può scovare prima di buttarsi nella realtà dei luoghi.
Citerna, Fighille, Pistrino... i boschi e poi Sorci, i campi, le case, la vecchia ferrovia... luoghi incantevoli, da vedere almeno una volta nella vita e, soprattutto, da gustare nelle serate di festa o nei momenti di quiete dove il cielo appare nero, pulito, luminoso... con tutte quelle stelle che porteranno sicuramente ogni persona che ci andrà a riflettere !


Forse è veramente inutile correre...  
il destino, prima o poi, si presenta col conto!
La base del romanzo è questa; il conto da pagare prima o poi nella nostra vita e, quel giorno non ci saranno sconti per nessuno, non ci saranno agevolazioni o truffe, non ci sarà nulla di nulla, ci sarà solo quel conto da pagare e tutto il passato ci piomberà addosso.
"L'uomo di Citerna" ha dovuto fare i conti col proprio passato, ritrovandosi solitario in questa splendida cornice ad affrontare i rimorsi, i pensieri, l'ansia.
Vive la sua vita, semplice eppur disperata, consapevole che ciò che gli è capitato si presenterà in forma anonima alla sua porta e lui stesso sarà costretto a togliere dal portafogli quella moneta che non ha corso legale: la propria anima ed i propri rimorsi.
Un viaggio nella mente di un uomo, nel percorso obbligato che una situazione lo ha portato a vivere quella vita, poi il denaro, il ricordo, l'ansia e la depressione.

"L'uomo di Citerna".... prossimamente nelle migliori librerie o... direttamente visitando Citerna da Maggio 2012.

per maggiori informazioni e prenotazione volume con dedica:
info@edizioniacar.it

38 commenti:

  1. Intrigante la storia, avendo letto i tuoi libri penso che lo acquisterò immediatamente. Bravo... ma è vera la storia che sogni ogni tuo racconto?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Carissimo/a, è vero... sogno di notte ciò che poi riporto sui miei libri... Un giorno ne parlerò, arrivano come film e poi rimangono nella mia mente sino a quando non li ho scritti!

      Elimina
    2. DEvo ammettere che riesci sempre a sorprendermi! a prestissimo! Cristina

      Elimina
    3. ahahahahah sorprenderti? No dai... in fondo sono anni che sogno stoire e il difficle è riuscir a far sognare gli altri mentre le leggono! A presto

      Elimina
  2. Salve, ci siamo conosciuti alla fiera di Modena, ho acquistato il suo libro "Billy Jhordan io serial killer". Complimenti, non mancherò di seguirla e di consigliare ai miei amici le sue produzioni. Adesso ho appena ordinato su ibs "Oltre la libertà" diciamo per una lettura della nave prima di prenotare una crociera con mia moglie.
    Grazie. Mattia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mattia, grazie per ciò che hai scritto. Billy Jhordan è il mio prediletto, non si capisce se è un thriller o altro, ma il fascino della scrittura in prima persona da parte del serial killer ha un qualcosa di particolare. Per quanto riguarda "Oltre la libertà" te lo consiglio, a parte il giallo nella storia l'ambientazione e la vita di bordo è un qulcosa di straordinario. Meglio leggerlo prima di salire sulla "Splendida" poi potrai ripercorrere ogni singolo passo descritto nel libro!
      Grazie

      Elimina
  3. Grande Amos!
    Non vedo l'ora di leggere il tuo ultimo libro...girano voci che sia il tuo masterpiece!
    Tienimi informata riguardo alla presentazione in Toscana, mi raccomando, così mi organizzo per esserci e per conoscerti di persona!
    Un'amica di Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissima.... beh diciamo che chi lo ha letto in anteprima è stato colpito dalla sensibilità, dalla descrizione dei luoghi e soprattutto dalla descrizione degli stati d'animo. Pensiamo di fare una presentazione ufficiale in Toscana, proprio a Citerna, poi metterò sul blog i contatti, nel frattempo puoi seguire le anteprime anche sul sito della Pro-Loco di Fighille su www.fighillearte.com
      Grazie di tutto.

      Elimina
  4. Salve stanno parlando parecchi di questo romanzo... quando uscirà?
    Antonio (BS)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Antonio, in libreria penso nel mese di giugno. Ho una prenotazione per una serata a Magenta (giugno 2012)... comunque se mandi una mail a: info@edizioniacar.it ti possono dare più informazioni.

      Elimina
  5. Ciao Amos ci siamo conosciuti a Sorci un po' di tempo fa e mi avevi detto che stavi preparando questo romanzo. E' già pronto? Fammi sapere se poi fai una presentazione che voglio esserci (lavoro permettendo).
    Franco e Giulia (Roma)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao carissimi... bello Sorci... le sue segrete, le stanze di Baldaccio e tutto quello che circonda quel Castello. Non potete perdervi "L'uomo di Citerna", non potete perdervi una passeggiata tra i camminamenti medievali... sono fantastici.
      Penso che faremo una presentazione a giugno, ma per maggiori informazioni bisogna contattare i ragazzi della Pro-Loco di Fighille.
      Metteremo i contatti per la presentazione sul blog.
      A presto e occhio ai fantasmi!

      Elimina
    2. Grande... ma ci fai fare un giro notturno al Castello? Dai senti i proprietari se ci permettono di fare un giro nelle segrete di notte... come nel tuo libro.
      Franco

      Elimina
  6. Salve, ho letto su facebook di questo blog e vi faccio i complimenti. Sono sempre andata verso Sansepolcro ed Anghiari, ma non sapevo che ci fosse questo gioiello (come lo sta descrivendo lei) a pochi chilometri. Non mancherò di fare un giro a Citerna, allora.
    Grazie
    Annalisa (MI)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao,
      sono uno dei "pazzi" del luogo che collabora con Amos.
      Se non sei venuta a Citerna ti sei persa qualcosa.
      Ti aspetto magari un giorno che c'è AMOS. (lo trovi spesso a Sorci nei week-end)

      Marcello da Fighille

      Elimina
    2. Proprio vero... un angolo di Paradiso! Se poi sei appassionata di arte non puoi perderti il piccolo Museo nel centro di Fighille (si trova sulla strada che da Sansepolcro porta ad Arezzo, intersezione x Anghiari... subito sulla sinistra). Un passaggio lì è d'obbligo... anche per vedere il santuario di Petriolo con le piastrelle a svastica... le grotte, i rifugi della guerra e... ma non hai letto "La notte passò lenta" ?
      Non perdertelo.
      Amos

      Elimina
  7. Un giorno di fine autunno io ed un mio amico pensammo:
    Perchè non fare un libro ambientato sul nostro concorso di pittura e sul nostro museo di arte contemporanea?
    Per puro caso Gino conosceva Alessandro del Castello di Sorci (bellissimo castello con il fantasma...) e lui gli disse che spesso alla sua locanda veniva un giovane scrittore simpatico e alla mano che aeva da poco scritto un libro ambientato su una nave da crociera.
    Da qui l'idea, un pò avventata, di provare a chiedere a questo scrittore a noi sconosciuto di scrivere un libro su Fighille.
    Ancora ricordo, nel breve tragitto Fighille-Sorci (ora lo posso pure scrivere tanto siamo diventati molto amici con Amos), la titubanza e la paura che lo scrittore (in fondo aveva scritto per la MSC crociere) ci chiedesse soldi o che non ci desse la minima attenzione.
    Arrivati a Sorci ci vediamo un ragazzo della nostra età (di me più vecchio....) e già ci sentivamo a nostro agio.
    Subito ci è apparso disponibile e cordiale, subito siamo divntati amici.
    Da li a poco nascerà "La notte passò lenta" e a Maggio 2011 il libro uscì.
    Facemmo una bellissima presentazione (anche grazie al luogo) del libro a Sorci, grande successo di pubblico, sale tutte piene e siamo stati costretti, nostro malgrado a rifiutare persone che non avevano prenotato.
    Questo fu (brevemente) l'inizio dell'amicizia che lega me, Gino e Fighille ad Amos.
    Gli saremo sempre grati, in fondo se un piccolo paesino di provincia di 600 anime è finito nelle librerie di tutta Italia e in tutte le fiere del libro (ricordo ancora quando sono partito per fotografare il nostro libro alla fiera di Torino) più importanti è solo grazie alla disponibilità di Amos.

    Ora sta per iniziare una nuova avventura "L'UOMO DI CITERNA", più grande e speriamo con lo stesso successo.

    GRAZIE ANCORA.
    MARCELLO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso mi metto a piangere ahahahahahahah
      Beh siete persone fantastiche, l'ho sempre detto, sia alla presentazione che parlando qui a Milano. Avete costruito un qualcosa di impensabile e la mostra che ogni anno fate, che porta a Fighille centinaia di persone è un qualcosa di straordinario. La zona, la gente... lo sai, Marcello come la penso, Alessandro è come un fratello per me, Primetto e Gabriella sono come genitori... spero sempre che non vi facciate mai influenzare dallo schifo che si respira qui al Nord...
      Tu e Gino poi siete straordinari... complimenti e, in amicizia ora ti dico che non ho mai pensato a chiedere soldi per un libro, le mie sono storie che nascono e che vorrei che tutti leggessero, poi... se nelle storie c'è anche questo piccolo angolo incontaminato... ben venga!
      Grazie a Voi di tutto, mi fate sentire sempre a casa quando scendo e... non c'è come essere a casa per poter vivere bene!

      Elimina
    2. Vedi Amos,
      per gente "di Campagna" come noi, dove il Carabineire, il Prete, la Maestra sono visti come persone da rispettare sempre, per un paesino dove ci si conosce tutti vedere e sentir parlare di uno scrittore era come se fosse arrivato una personalità importante. un Vip. Poi per fortuna non lo sei....

      P.S.Ricordati quando sarai famoso (e tu sai a cosa mi riferisco...;)) di noi.
      P.P.S. e poi il felling è aumentato da quando so che sei amante di quello che tu chiami bambino (e io aggiungo "stagionato" onde evitare incomprensioni....) che ti piace affettare....(preciso che non si parla di pedofili o altro.....)

      Elimina
    3. Salve Marcello, lei sa se lo scrittore ha in cantiere qualche altra storia ambientata nel vostro bellissimo borgo? grazie, siamo un gruppo di lettura e dopo aver letto L'aquila e la colomba siamo venuti a visitare il borgo.
      Annamaria - Modena

      Elimina
  8. Holà Amos, da quanto tempo... se sto paese è così bello devo venire a visitarlo obbligatoriamente.
    Francesco (Origgio)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prendi lo spunto di venire alla presentazione che faremo (e ve ne sarà data notizia a tempo debito) proprio nel centro del paese e del camminamento medioevale....

      Elimina
    2. Ok ottimo, mi metto d'accordo con Amos allora!

      Elimina
  9. Anch'io non vedo l'ora di venire a vedere i luoghi che hanno fatto da sfondo a "La notte passò lenta" "L'uomo di Citerna" (sono tra i fortunati che hanno avuto l'onore di leggere il libro in anteprima, e, come ha scritto la mia amica, credo di poter dire che sarà il libro più completo di Amos e tra i miei preferiti). In realtà ho sentito tanto parlare dei posti e delle persone che mi sembra già di conoscere tutto, ma...spero di poter essere presto lì.
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Francesca... bene bene, avrai l'occasione di vedere questo magnifico posto...

      Elimina
    2. Puoi giurarci, sono la Fra, mica una Francesca qualsiasi... ;-)

      Elimina
  10. be non vedo l ora di leggere questo libro

    RispondiElimina
  11. Mi aggiungo volentieri alla lunga fila di persone che faranno un salto in questo angolo di paradiso e ... che leggeranno la tua ultima fatica letteraria ... fammi sapere quando fai la presentazione che mi organizzo! A presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Claudia, dovrebbe essere a giugno, ma ti aggiorno... prima esce il tuo libro...

      Elimina
  12. Adesso mi avete incuriosito... vado a cercare Citerna su google map... fatemi sapere allora se è vera sta storia di poter visitare questo posto...

    RispondiElimina
  13. Ciao Amos mi stai incuriosendo... ricordati che mi devi mandare le date, io voglio vedere anche il castello e le segrete e il fantasma ahahahahahahahah.
    la Katy

    RispondiElimina
  14. Vi aspettiamo TUTTI.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bene bene tra qualche settimana metteremo i contatti di Marcello e le indicazioni per le prenotazioni... anzi, saremo più precisi su ciò che combineremo quella sera ahahahah un salutone a tutti gli amici della Pro-Loco

      Elimina
  15. Onestamente non conosco il luogo... ma ci andrò questa estate allora...

    RispondiElimina
  16. Potete dirmi con quale casa editrice è pubblicato e se per caso si trova anche on-line?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Edizioni A.Car di Milano... ma non è ancora pubblicato... manca ancora un poco.
      Non sarà E-book, ma sarà in vendita su tutti i maggiori siti di vendita libri.... a presto.

      Elimina
  17. Buongiorno scrittore, domenica sarò in quel di Sorci, spero di vederti. Mi hai incuriosito con questa storia di Citerna, passerò sicuramente a visitarla. Speriamo che la chiesa sia aperta. Grazie del consiglio telefonico.
    Angelo

    RispondiElimina